mercoledì 23 gennaio 2013

Cubotti golosoni

La settimana scorsa avevo l'estrema necessità di far fuori tutti i rimasugli cioccolatosi finiti in dispensa dopo Natale e l'Epifania; ho pensato subito ad una caprese che in questi casi è l'ideale.
Non avevo mandorle e il cioccolato rimasto non era solo il fondente...500gr di fondente trovato in un cesto regalato a Natale; 1 vasetto di crema di nocciola e pere comperato la vigilia ad Aosta in visita ai mercatini; una splendida confezione di crema spalmabile al pistacchio regalata da una coppia di splendidi amici. Certo è che non si può tenere barattoli e confezioni aperti a vita ne tantomeno mangiarli quotidianamente ne ovviamente buttare tutto quel ben di Dio... che fare?
Ovviamente sarebbe stato qualcosa da regalare o da far portare al mio caro Maritozzo a lavoro in modo da allietare la sua giornata e quella dei suoi colleghi golosoni; ecco quindi cosa mi sono inventata...



Ingredienti per circa 30/35 cubotti:

per la torta:
250gr di cioccolato fondente;
200gr di burro;
120gr di zucchero;
3 uova;
2 cucchiai da minestra di farina;
1 cucchiaino da caffè di lievito in polvere per dolci.

prima copertura:
250 gr di cioccolato fondente;
una noce di burro.

seconda copertura;
125 gr di crema spalmabile nocciola e pere;
100 gr di crema spalmabile al pistacchio.

Procediamo:

Per prima cosa spezzettate il cioccolato fondente e mettetelo a sciogliere a bagno maria;


intanto in una terrina mettete burro, zucchero, i tuorli, la farina e sbattete energicamente fino a che si sarà tutto ben amalgamato.

Non sciogliete il burro ma utilizzatelo a temperatura ambiente; il risultato sarà più o meno questo.

 
aggiungete agli albumi avanzati un pizzico di sale e montateli a neve ben ferma.
 
 
 

Quindi aggiungete al composto iniziale il cioccolato fuso e amalgamate per ultimo gli albumi montati a neve e mescolate con un cucchiaio o spatola dall'alto verso il basso.
 
 
Foderate quindi, con della carta forno, un tegame 45x30 e versatevi in composto che non dovrà essere più alto di 1 cm perché poi cuocendo si alza.
La superfice non è necessario sia omogenea; anzi...più imperfezioni ci saranno più il cioccolato aderirà.
 

 
Preriscaldate il forno a 180 gradi...infornate!
15/20 minuti
e...
mettete a raffreddare per almeno una mezzora.
 
 
 
Ora...mettete a bagnomaria le due creme perché anche se in realtà sono già spalmabili a noi servono completamente liquide.
Versate quindi la prima crema alle nocciole e pere coprendo tutta la superficie e subito dopo quella al pistacchio cercando di fare dei disegni sulla precedente crema. con una spatola cercate quindi di spargerla sull'intera superfice marmorizzandola in modo che rimanga visibile la differenza di colore.
 
 
 
 
Mettete a riposare (se avete fretta mettete  direttamente in frigo) fino a quando non si sarà rappresa e sarà quindi possibile capovolgere la torta senza far danni.
 
 
Bene...sciogliete a bagnomaria la parte di cioccolato fondente non ancora utilizzata e aggiungete una noce di burro.
Capovolgete la torta e versatevi il cioccolato; subito dopo ricopritela con della carta forno e mettete in frigo per circa 2 ore.
 
 
 La parte fondente deve essere la base semplicemente perché più solida quindi una volta tirata via dal frigo capovolgetela nuovamente e iniziate a tagliare dei cubotti 4cm x4 cm.
 


 


giovedì 17 gennaio 2013

Paciughini a pranzo...

Dopo la chiusura delle festività, con l'epifania, ho dovuto fare i conti con la "solitudine".
Ho perso il lavoro ma non la voglia di vivere, gli hobbies, gli amici ne tutti i miei impegni. Ora ho un sacco di tempo che ho riempito al 100%; mentre prima trascuravo me stessa e tutto il resto ora anche se correndo qui e là riesco a fare più o meno tutto.
Ho avuto grandissime novità nella mia vita ma una cosa che mi fa un enorme piacere constatare è il momento del  pranzo; prima mangiavo per strada o in una orribile e triste mensa aziendale ora mangio a casa di amici, parenti oppure come oggi a casa mia in compagnia di Grey la mia stupenda gattina fumè che mangia quello che mangio io comprese le verdure bollite!!!
Quando sono a casa mi coccolo e vizio ma soprattutto torno bambina paciugando in cucina fino ad ottenere cose goduriose ma non certo salutari da accompagnare con un ottimo bicchiere di nettare nero...la coca cola...
La dieta se ne va a far friggere e la prova vestito da sposa si sta man mano spostando di settimana in settimana...

Una lunghissima premessa per questo fantastico tramezzino!


pancarrè, fesa di tacchino al forno (salume), sottiletta, tantissima maionese, pomodori, origano, sale
non avevo la lattuga se no ci sarebbe stata benissimo.





martedì 15 gennaio 2013

Dolce dell'ultimo minuto



Non so voi... io ho ospiti spesso e, spesso, senza preavviso... basta un aperitivo e un caro amico che passa per avere una buona scusa per invitarlo a cena e passare un po' di tempo assieme.
Qualche giorno fa è capitato proprio questo e l'invitato ama i dolci; cosa fare?
ho preso spunto da una ricetta di qualche tempo fa e con una bustina di budino che era nella credenza da mesi ho fatto un dolcino scopiazzato da vecchie idee e vecchie ricette per farne uno ex-novo!

Ingredienti:
1 fasta sfoglia già pronta all'uso;
1 bustina di lievito alla vaniglia;
125 ml di latte (125ml di panna se pensate di non finirla tutta in giornata);
frutta a piacere.

Srotolate la pasta sfoglia e ponetela con la sua carta da forno in una teglia di diam. da 22 a 26cm.
Mischiate il latte con la bustina di budino fino a che non ci saranno più grumi e versatelo  sulla pasta sfoglia.

Infornate per 15 minuti nel forno preriscaldato a 180 gradi.

Togliete dal forno e fate raffreddare.



tagliate la frutta che avete in casa (mele, mandarini, banane, mirtilli, fragole, kiwi, more, etc, etc, etc) servitela possibilmente fresca.
se non avete problemi di calorie potete utilizzare la panna.






domenica 13 gennaio 2013

Eliche integrali alla zucca





Ingredienti per 4 persone:

360 gr di eliche integrali;
300 gr di zucca gialla;
20 gr di pinoli;
1 cipolla bianca media;
noce moscata;
sale;
pepe;
olio.

Mettete la cipolla a soffriggere in una padella oleata e fate dorare insieme ai pinoli.
Aggiungete noce moscata e sale.




Una volta soffritto il tutto aggiungete la zucca tagliata grossolanamente.






Fate cuocere circa 15 minuti aggiungendo 1/2 bicchieri di acqua calda e/o brodo.

Quando siete soddisfatti del risultato (assicuratevi che sia giusto di sale) versate nel bicchiere del mixer e tritate finemente.

Condite la pasta e pepate... Sfiziosissimo piatto.




La fatica è salutare...

Oggi vi spiego la mia latitanza in cucina.
Nei mesi di ottobre, novembre e dicembre finita la vendemmia e la raccolta dei funghi iniziano le olive...
olive...impegnative olive...se si aggiunge al lavoro di ufficio, l'orto e un compagno diventa una vera e propria fatica. Una fatica, come ogni vera fatica, premia.

Ecco il premio...

Olio extra vergine di oliva  (E.V.O.) fatto da me e con il quale cucino tutti i miei piatti (fatto salvo per i dolci e le fritture ovviamente).

Questa era una piccola premessa per spiegare la mia assenza... ma da oggi sono di nuovo in cucina...

Palestra...orto...amici...duro lavoro e CUCINA!!!